Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ansaldo Cebà [1565 - 1623]

Della corona di Apollo [1610]
Parte seconda - Corona di pietà
VIII

   Perch’io dal tuo, tu dal mio sen ti parti,
e partirai non so ben io fin quando,
so ben ch’altro, Signor, che sospirando
deal cor d’un peccator non ti diparti.
   Però se ti allontani, ad appressarti
la tua stessa bontà ti vien chiamando;
e s’io fuggo da te, tu, seguitando,
il fugace mio cor puoi guadagnarti.
   Deh frena, Signor mio, l’ardente volo
che da te mi disgiunge, e ferma il passo;
onde troppo sovente a te m’involo.
   Ch’altro rimedio a questo cor di sasso
trovar non so, se non questo solo:
che non mi lassi tu, quand’io ti lasso.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it