Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ansaldo Cebà [1565 - 1623]

Della corona di Apollo [1610]
Parte seconda - Corona di pietà
VI

   E ne’ tuoi raggi i’ vengo cieco omai,
ne’ raggi (ohimè) del tuo splendor divino,
che sovra un caro volto e pellegrino
talor disseminando in terra vai.
   In quegli ardenti e luminosi rai,
che m’apriranno al ciel sì bel camino,
col cor piagato (ahi, troppo in terra) e chino,
forse pur miro ancor come mirai.
   E segno, ahi lasso, e fuggo un laccio indegno;
et in un tempo io cerco guerra e pace;
e sfavillo d’amore, rado di sdegno.
   Fin quando, Signor mio, da la verace
via, che conduce al tuo celeste regno,
errando andrà questo mio cor fallace?




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it