Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Ansaldo Cebà [1565 - 1623]

Della corona di Apollo [1610]
Parte seconda - Corona di pietà
I

   Bella stella del ciel, che i primi albori
d’oriente ne porti, e su l’erbette
con tante cristalline lagrimette,
quasi con tante perle, ingemmi i fiori.
   Se come l’aria ride a’ tuoi splendori,
così, tra mille fosche nuovolette,
penetrandomi al cor le tue saette
sgombrasser’anche i miei sì lunghi orrori,
   o come lieto a salutarti ancora
mi desterei, come vivace e puro
direi che ’l tuo bel lume il ciel colora.
   Ma ’l fosco del mio cor, lasso, è sì duro,
che se ben sorgi in ciel più bella ognora,
quanto più l’aria splende, i’ son più scuro.

3: cristaline > cristalline. 11: collora > colora.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it