Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Maffeo Barberini [1568 - 1644]

Da “Poesie toscane” [1635]
III
[La fontana.]

   Qui dove sorge la volubil onda
arresta i passi, o pellegrino, e intento
in mille guise il bel limpido argento
mira cader del fonte in su la sponda.
   S’erge altronde l’umor ch’in copia abonda,
in stille altronde piove; indi non lento
vibrasi in giuso, e quivi in un momento
sale, e in sé torna ond’è ch’in sé s’asconda.
   E mentre or poggia or cade o in sé si rota,
talor si spande, or sé medesmo fiede,
sì d’uno in altro moto si trasforma,
   che, se ben nel cristal mobile immota
sua sembianza abbia il fonte, l’occhio crede
ch’ognor si cangi in varia e nuova forma.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it