Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Annibale Caro [1507 - 1566]

Rime [1757]
CV
M. Lattanzio Benuccio, al Caro.

   Voi, che sì chiaro or di Parnaso al monte
sedete in cima, e con la dotta lira
movete il verso, a cui mai sempre aspira
il biondo Apollo al mormorio del fonte,
   a me che, con le voglie accese e pronte,
seguirvi bramo ove ’l piacer mi tira,
porgete aita sì, ch’unqua di mira
io non vi perda, anzi appo voi sormonte.
   Già de la sacra fronda ornar vi vede
la nostra etade il crine, e ’l tempo avaro
non può scemar la gloria in cui vivete.
   Ma non dispiaccia a voi, pregiato e caro,
ch’io, per l’orme di voi movendo il piede,
venga a Castalia a spengermi la sete.

9: si vede > vi vede.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it