Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Annibale Caro [1507 - 1566]

Rime [1757]
XC
Risposta del Caro.

   Tarpato e roco augel, non canto e volo,
ma strido e fuggo. Ed u’ mi volgo, e donde
chiamo aita, m’accoglie e mi risponde
sol Morte; e sol per lei da lei m’involo.
   Che non ho ’ncontro al mio nemico stuolo
né ragion, né consiglio, né d’altronde
altr’arme; e ’n van si fugge e ’n van s’asconde
ch’intorno ha la stanchezza e dentro il duolo.
   Se tal, CENCIO, è ’l mio stato, e so deriva
ond’anco il vostro, al mal ch’io temo e sento
indarno avete voi speme e ricorso.
   Indarno ira del ciel per noi si schiva.
E, se donna si placa, un vostro accento
ogni cor vince; e sia di tigre e d’orso.

4: morto > Morte.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it