Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Annibale Caro [1507 - 1566]

Rime [1757]
LVIII

   Ecco, Signor, ch’al tuo chiamar mi volgo,
e veggio il mio mal corso e torto aringo,
tal che per tema al cor me ne ristringo,
men pento, men vergogno e me ne dolgo.
   Seguoti, ma fra i lacci, onde m’involgo,
e ’l fral ch’io porto, a pena oltre mi spingo;
e senza te, se ben mi sgravo e scingo,
non mi scarco però, né mi disciolgo.
   Ma, s’almen col desio non t’abbandono,
né più da l’uso e dal mortale impetro,
onde a te non si vien senza il tuo dono;
   tu, se tra via mi stanco, o se m’arretro,
soccorrimi or di grazia, or di perdono,
e Maddalena ti rammenta e Pietro.

7: ben se > se ben.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it