Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Annibale Caro [1507 - 1566]

Rime [1757]
LVI

   Or ben chiaro vegg’io, Signore eterno,
che di tua greggia hai tu pietate e cura:
ecco, quando stagion correa sì dura,
né la state ombra avea, né mandra il verno,
   quando il digiun, la scabbia e ’l duolo interno,
e i furi e i lupi ed ogni ria ventura
ne facean fra lo strazio e la paura
crudele e miserabile governo,
   tu, perché di pastura e d’ozio abbonde,
non pur non pèra, a guardia la commetti
del servo tuo, ch’or in tua vece è Dio.
   E coi pensier, coi nomi e con gli effetti
a la tua providenza corrisponde
Pastor, Medico, Giove, Angelo e Pio.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it