Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Annibale Caro [1507 - 1566]

Rime [1757]
XLII

   GUIDICCION, tu sei morto? tu che solo
vivendo eri mia vita e mio sostegno?
tu ch’al mio errante e combattuto legno
fosti ad ogni tempesta il porto e ’l polo?
   Ben ne volasti al ciel; ma da tal volo
quando a me torni? Od io quando a te vegno?
Chi de’ suoi danni e del tuo fato indegno
ristora il mondo? E chi tempra il mio duolo?
   Deh porgimi dal cielo, angelo eletto,
tanto di sofferenza, o pur d’obblio,
che ’l mio pianto non turbi il tuo diletto.
   O talor scendi a consolarmi; ond’io
con più tranquillo o men turbato affetto
consacri le tue glorie e ’l dolor mio.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it