Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Annibale Caro [1507 - 1566]

Rime [1757]
XXIX

   Donna di chiara, antica nobiltate,
vincitrice del mondo e di voi stessa,
che, tra noi gloriosa e ’n voi rimessa,
onorate l’altezza, ed umiltate;
   s’al vostro sol, cui fisa al ciel v’alzate,
non fia la luce mai per tempo oppressa,
ma con voi sempre eterna, e voi con essa
siete esempio di gloria e d’onestate,
   tenete pur al ciel le luci intese,
ma non sì che talor rivolta a noi
non miriate pietosa i desir nostri.
   Ch’altrui fôra dannoso, e ’n voi scortese,
tôrvi ancor viva al mondo. E senza voi
chi fia che d’ir al ciel la via ne mostri?

6: sia > fia. 8: siate > siete.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it