Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Annibale Caro [1507 - 1566]

Rime [1757]
XXVIII

   A voi, donna reale, al vostro immenso
valore, a l’accortezza, a l’onestate,
a quella serenissima beltate
ond’avete il mio core e ’l mondo incenso,
   a l’alta incontra al fato e ’ncontra al senso
constante, inespugnabile umiltate,
a la vostra divina umanitate
erge quest’ara universal consenso.
   A cui sacra d’intorno e la virtute
e la gloria de’ vostri, e ’l vostro merto,
tante di vero onor chiare facelle,
   che le rozze mie Muse, e fredde e mute,
me solo offrendo, e questo picciol serto,
lascian l’eternità che ne favelle.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it