Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Annibale Caro [1507 - 1566]

Rime [1757]
XXV

   Vivo sol di virtù, quanto più lunge
fate voi chiaro il dì, che non aggiorna
quest’altro sol, che ’ndietro se ne torna,
ed oltre al Cancro i suoi destrier non punge.
   Per voi di là fin sotto il polo aggiunge
l’ardente agosto, e Borea ne distorna;
e qui d’eterno aprile Italia adorna
la luce che da voi non si disgiunge.
   Italia felicissima Latona
al nuovo Apollo. Ecco ch’ei nuovo scempio
di Niobe t’apparecchia e di Pitone.
   Ecco che l’arco scocca; ecco che tona
seco il gran padre. E caderà pur l’empio
ch’avea posto il suo seggio in Aquilone.

6: Borrea > Borea.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it