Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovanni Giacomo Lavagna [? - XVII sec.]

Da “Poesie”
III
Farfalla.

   Pertinacia animata e verme alato,
inimica de l’ombre ombra volante,
de la lucida fiamma incauta amante,
la morte ad adorar spinta dal fato.
   Vivo esempio d’un core innamorato,
che si consuma a’ rai d’un bel sembiante;
di Clizia trasformata emula errante,
ch’amorosa t’aggiri al foco amato.
   Cortigiana infelice, al caro lume
tanto t’accosti alfin, che poco accorte
con la vita vi lasci arse le piume.
   Come pari è a la tua l’umana sorte!
Quando l’uomo trovar gioia presume
nel mondano splendor trova la morte.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it