Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Alessandro Adimari [1580ca - 1649]

Da “La Calliope” [1641]
IV

   Balen ch’in un sol punto acceso muore,
polve ch’in alto si disperde al vento,
paglia che si dilegua in un momento,
fumo che via sen va sciolto in vapore,
   erba che manca in sull’aprir del fiore,
lume ch’ad un soffiar si resta spento,
voce che si vien men dietro all’accento,
neve al sol, nebbia al dì, cera all’ardore,
   ombra di scura notte all’alba accanto,
sogno di chi con febbre in letto giace,
seren d’inverno, e di sirena il canto,
   di rapido torrente acqua vorace,
o donne (e pur v’insuperbite tanto)
della vostra bellezza è men fugace.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it