Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Francesco Durante [? - XVII sec.]

Da “Raccolta di sonetti d’autori diversi ed eccellenti dell’età nostra” [1623]
13
Ruine di Roma.

   Qui gli occhi, o peregrin, che cerchi e tenti
Roma veder, né Roma trovi, or gira,
e ’l piè fermando le ruine ammira
di tante auguste al suol moli cadenti.
   Queste son Roma; quella che le genti
serve ebbe tutte, e serva oggi si mira;
e se, qual vedi, imperiosa spira,
così disfatta, ancor fieri ardimenti,
   ben n’ha ragion ch’ibero, anglico o franco
popol non può del suo cader vantarsi;
ch’ella fu sol che sé venir fe’ manco.
   Che perché sotto ’l ciel nulla mostrarsi
potesse non da lei vinto, volle anco
di se medesma vincitrice farsi.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it