Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Francesco Durante [? - XVII sec.]

Da “Raccolta di sonetti d’autori diversi ed eccellenti dell’età nostra” [1623]
15
Tarda partenza di verno.

   Ancor di ghiaccio al piè catene algenti
porta di Borea prigioniero il fiume?
De la quercia e del faggio ancor le brume
al torto crin fan rigidi ornamenti?
   Con la ferza già pur de’ raggi ardenti
l’auree lane al Monton batte il gran lume;
né fiato ancor, che tanto orror consume,
mandan per questo ciel tepidi venti.
   Aura, ch’a la stagion più lieta ognora
stata se’ duce, il tuo spirar sì grato
omai deh movi, e ci rimena Flora.
   Strisciando, angue di vetro, il rio gelato
fugga, e con lui fuggan le nevi, e mora
il verno fier, ché ’l bell’aprile è nato.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it