Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Antonio Ongaro [1560 - ca1593]

Rime [1620]
Parte terza
13
Per l’istesso.

   A la tomba felice, ove dimora
estinto Adon fra tenebrosi orrori,
arrechi gemme e preziosi fiori
da’ bei colli del ciel la bella Aurora.
   Il Sole i raggi, onde la chioma indora,
affigga al marmo, e riverente adori
l’alta beltà, che le fredd’alme e i cori
accende estinta e incenerita ancora.
   Dal teatro del ciel scendan le stelle;
perd’ogni errante il moto, e fisso stia,
quasi face funesta al sasso intorno;
   s’accolgan qui tutte le cose belle,
sì che d’Adon l’alto sepolcro sia
un più ricco oriente, ond’esca il giorno.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it