Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Antonio Ongaro [1560 - ca1593]

Rime [1620]
Parte terza
8
Nella Filenia, comedia di Salvatore Massonio.

   Massonio, ch’a le Muse, a cui sei caro,
il vanto del cantar spesso tolt’hai,
et or con novo stile Aterno fai
quanto ’l Tebro e quant’Arno illustre e chiaro;
   sì scemi il pregio a quei che già cantâro
di Tieste e di Edippo i tristi guai,
che per la penna tua pon gire omai
co’ gran coturni i socchi umili a paro.
   Ora di sdegno ingombri i nostri petti,
ora d’amore, or tema or speme inesti,
dolce tiranneggiando i nostri affetti;
   e di motti e di risi adorni e vesti
l’opra sì, che se giovi, o se diletti,
più chi t’ascolta par ch’in dubbio resti.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it