Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Antonio Ongaro [1560 - ca1593]

Rime [1620]
Parte seconda
21
Esalta la bellezza della sua donna.

   Spettacolo più bello non offerse
nel teatro del mondo la natura
di voi, vivo mio sol, né in creatura
il Creator meglio se stesso aperse.
   Quante ha bellezze in sé vaghe e diverse,
tutte raccolse in voi l’eterna cura;
e fu di questa età rara ventura,
che beata per voi ben può tenerse.
   Onde quei che già fûro, a doler s’hanno
del ciel, che di tal vista a lor fu scarso;
et avransi a doler quei che verranno,
   perché anzi loro è sì gran lume apparso.
Ma questi, ne’ miei versi, alcun vedranno
de’ chiarissimi rai che ’l cor m’han arso.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it