Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Antonio Ongaro [1560 - ca1593]

Rime [1620]
Parte seconda
16
Cambio amoroso.

   Voi mi chiedete, o mia tiranna, un pegno,
testimonio e trofeo del mio servaggio;
ma di quei ch’io vi lascio, quale ostaggio
lasciar più fido a voi posso, o più degno?
   Il cor vi lascio e l’anima e l’ingegno,
ché lasciarvi che vaglia, altro non aggio;
et in lor vece (o ricco cambio), un raggio
de la divinità nel petto i’ tegno.
   La vostra imago in me si chiude e serra,
e mi dà spirto e vita e intelletto,
e mi fa gir volando alto da terra;
   tal che se lo mio stil, per sé negletto,
per voi fia in pregio, e non andrò sotterra,
sarà sola virtù del vostro aspetto.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it