Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Antonio Ongaro [1560 - ca1593]

Rime [1620]
Parte seconda
4
Piacevol sogno amoroso*.

   Mentre pinto di stelle il ricco manto
l’umida notte d’ogni intorno stese,
felice sogno sopra me discese,
onde non son per consolarmi alquanto.
   La mia nemica mi s’affise a canto,
pietosa oltre l’usato, e non più intese
cose parlommi, e con la man cortese
asciugommi dagli occhi il caldo pianto;
   e parea che dicesse: — O fido amante,
tempra ne le mie labra il tuo desio,
né più dolor, né più timor t’ingombre. —
   Sorsi allor per baciarla; ma sol l’ombre
cinsi e baciai, ché ’l sonno in quell’istante
rompendosi interruppe il piacer mio.

*Nota: l’argomento recava ‘Piacevol sonno amoroso’.





5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it