Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Antonio Ongaro [1560 - ca1593]

Rime [1620]
Parte prima
68
Nel cardinalato dell’illustrissimo signor Odoardo Farnese.

   Vince il valor, vincono i merti al fine,
cui l’invidia gli onori invan contende;
ecco che sacra porpora risplende
sopra l’oro, signor, del tuo bel crine.
   Ma da le tempie tue care e divine
fregio forse maggior l’ostro riprende;
onde tuona per gioia e fuochi accende
ROMA fra i sacri colli e le ruine.
   ROMA, che nel suo sangue ha sola speme
di soggiogar le genti a lei rubelle
e di saldar le piaghe ond’ella geme.
   E già da te quell’opre illustri e belle
spera, che frutti son del tuo gran seme,
ch’arricchisce la terra e poi le stelle.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it