Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Antonio Ongaro [1560 - ca1593]

Rime [1620]
Parte prima
56
Prega Dio ad allungar la vita della sua donna, che stava gravemente inferma.

   Eterno, immenso Dio, che ti diffondi
per l’opre del tuo verbo, e non ti vede
la fosca umanità, se non per fede,
in quei lucidi abissi ove t’ascondi;
   de l’alta grazia tua, che mille mondi
potrebbe empir, sì questi globi eccede,
a l’egra serva tua, ch’aiuto chiede,
solo da te picciola stilla infondi.
   Con occhio di pietà, Padre, risguarda
lei, che le sante tue rugiade aspetta,
quasi tenero fior che ’l sol troppo arda.
   Lascia, Signor, fra noi la tua diletta,
e per nostra salute almen ritarda
molti anni ancora a farla un’angioletta.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it