Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Antonio Ongaro [1560 - ca1593]

Rime [1620]
Parte prima
52
Spera che il tempo superi l’alterezza della sua donna.

   Teatri, archi, colossi, alte ruine,
già saldissime moli eccelse e belle,
che stancaste le viste e le favelle,
e fuste a le sembianze opre divine;
   già steste erette al ciel tanto vicine,
che fu breve da voi varco a le stelle;
ma, qual lieve lavor di destra imbelle,
pur vi ruppe e vi sparse il Tempo al fine.
   A voi stesse sepolcro, io vi rimiro
lacere e trite, e de le vostre altezze
vestigio in molti luoghi a pena appare.
   Onde forse mi lice anco sperare
che l’alto e duro cor per cui sospiro
il fortissimo tempo abbassi e spezze.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it