Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Bartolomeo Dotti [1651 - 1713]

Da “Delle rime: i sonetti” [1689]
XVII
Il tabacco in fumo. A sua eccellenza il signor Triadan Gritti.

   Ardo in concava creta erbe mature,
da cui suggo, signor, fumi leggieri;
fumi, onde prendo a inebbriar le cure
non men che a fomentar gli egri pensieri.
   Poi, chimico moral, dai fumi neri
spremo di bel candor sostanze pure,
ed esperto indovin d’alti misteri,
queste interpreto in lor certe figure.
   Ché, come sembra l’alito che assumo
spirto vital, e pur è un fiato immondo,
un vil soffio è la vita ch’io consumo;
   e, qual le torbid’aure ch’io diffondo
paion isole in aria, e pur son fumo,
tal, in aria sospeso, è un fumo il mondo.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it