Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Bartolomeo Dotti [1651 - 1713]

Da “Delle rime: i sonetti” [1689]
XV
L’anguria.

   Io, di palustre suol frutto nativo,
d’una madre pigmea figlio gigante,
vivace umidità, gel vegetante,
ebbi fascie le foglie e balia il rivo.
   Solo a forza d’umore io nacqui e vivo,
travestita di scorze onda costante,
da cui mèndica poi labro anelante
liquido refrigerio al foco estivo.
   Pascendoti di me, deh mira ormai
in che se stesso il mio tumor risolve,
o tu, che più di me gonfio ten vai.
   Uomo, al principio suo tutto si volve:
come torno, così ritornerai,
io d’acqua in acqua e tu di polve in polve.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it