Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Bartolomeo Dotti [1651 - 1713]

Da “Delle rime: i sonetti” [1689]
IX
Il molino. Al signor Camillo Bargnani.

   Mole, d’un fiume in su le sponde accolta,
cozza in più rote ad arietar de l’onda:
la primiera dà moto a la seconda,
e la seconda poi l’altre rivolta.
   Indi leva una selce, ove sepolta
con sollecito piè Cerere affonda,
e la granita sua chioma già bionda
in atomi canuti ecco disciolta.
   Tal noi del Tempo il vasto gorgo incalza:
la puerizia in gioventù risolve,
la giovinezza in mezza età trabalza;
   questa in vecchiezza, o mio Camillo, ei volve;
ed ecco del sepolcro allor c’inalza
la pietra in capo, e ci sfarina in polve.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it