Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
Rime di messer Pietro Bembo in morte di messer Carlo suo fratello e di molte altre persone
CLIV

   Ben devrebbe Madonna a sé chiamarme
su nel beato e lieto asilo eterno,
e ’n questo pien di noia e pene inferno
vita mortale omai più non lasciarme;
   ché non è sotto ’l sol ben da quetarme,
sì gli ho tutti col mondo inseme a scherno;
né pò conforto al grave affanno interno,
sendo di fuor chiusa ogni via, passarme.
   Ma s’ella il nodo a l’alma non discioglie,
vedendo me di tacito e contento
volto a sì triste e lamentose tempre,
   e per sé non m’ancide, e quinci toglie
il duol, che del suo ratto sparir sento,
Soranzo, i’ piango e son per pianger sempre.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it