Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
Rime di messer Pietro Bembo in morte di messer Carlo suo fratello e di molte altre persone
CLII

   Tosto che la bell但lba, solo e mesto
Titon lasciando, a noi conduce il giorno,
e ch段o mi sveglio, e rimirando intorno
non veggo 値 sol, che suol tenermi desto,
   di dolor e di panni mi rivesto,
e sospirando il bel dolce soggiorno,
che 値 ciel m檀a tolto, a lagrimar ritorno;
la luce ingrata e 値 viver m定 molesto.
   Talor vengo agl段nchiostri, e parte noto
le mie sventure; ma 値 pi celo e serbo
nel cor, che nullo stile che le spieghi.
   Talor pien d段ra e di speranze vto,
chiamo chi del mortal mi scinga e sleghi.
O giorni tenebrosi, o fato acerbo!




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it