Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
Rime di messer Pietro Bembo in morte di messer Carlo suo fratello e di molte altre persone
CXLV

   Navagier mio, ch’a terra strana vòlto
per giovar a la patria il mondo lassi,
te piango, e piangon meco i liti, i sassi
e l’erbe, che per te crebber già molto.
   Tu le palme latine hai di man tolto
ai nostri tutte, con sì fermi passi
salisti ’l colle. Or quando più vedrassi
tanto valor in un petto raccolto?
   Grave duol certo; pur io mi consolo,
ch’or ti diporti con quell’alme antiche
che tanto amasti, e teco è ’l buono e saggio
   Savorgnan, che contese a le nemiche
schiere il suo monte, e fu d’alto coraggio,
e poco inanzi a te prese il suo volo.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it