Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
CXXI

   O pria sì cara al ciel del mondo parte,
che l’acqua cigne e ’l sasso orrido serra,
o lieta sovra ogni altra e dolce terra,
che ’l superbo Appennin segna e diparte,
   che giova omai se ’l buon popol di Marte
ti lasciò del mar donna e de la terra?
Le genti a te già serve or ti fan guerra,
e pongon man ne le tue treccie sparte.
   Lasso, né manca de’ tuoi figli ancora
chi, le più strane a te chiamando, inseme
la spada sua nel tuo bel corpo adopre.
   Or son queste simili a l’antiche opre?
O pur così pietate e Dio s’onora?
Ahi secol duro, ahi tralignato seme!




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it