Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
CXVII

   Che gioverà da l’alma avere scosso
con tanta pena il giogo, che la presse
lunga stagion, s’Amor con quelle stesse
funi il rilega, et io fuggir non posso?
   Meglio era che lo strale, onde percosso
fui da’ begli occhi, ancor morto m’avesse,
che fosse il braccio tuo, ch’alor mi resse,
da me, superno Padre, unqua rimosso.
   Ma poi ch’errante e cieco mi guidasti,
Tu sentiero e Tu luce, ora ti degna
voler, che ciò far vano altri non basti,
   e lei sì del tuo foco incendi e segna,
che poggiando in desir leggiadri e casti
rivóli a te, quando ’l suo dì ne vegna.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it