Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
CXVI

   Signor, che parti e tempri gli elementi,
e ’l sole e l’altre stelle e ’l mondo reggi,
et or col freno tuo santo correggi
il lungo error de le mie voglie ardenti,
   non lasciar la mia guardia e non s’allenti
la tua pietà, perch’io tolto a le leggi
m’abbia d’Amor, e disturbato i seggi
in ch’ei di me regnava, alti e lucenti.
   Ché, come audace lupo suol degli agni
stretti nel chiuso lor, così costui
ritenta far di me l’usata preda.
   Acciò pur dunque in danno i miei guadagni
non torni e ’l lume tuo spegner si creda,
con fermo piè dipartimi da lui.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it