Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
CXI

   Pon Febo mano a la tua nobil arte,
ai sughi, a l’erbe, e quel dolce soggiorno
de’ miei pensier, cui piovve entro e d’intorno
quanta beltà fra mille il ciel comparte,
   ch’or langue e va mancando a parte a parte,
risana e serba; a te fia grave scorno,
se così cara donna anzi ’l suo giorno
dal mondo, ch’ella onora, si diparte.
   Torna col chiaro sguardo, ch’è ’l mio sole,
la guancia, che l’affanno ha scolorita,
a far seren, qual pria, de le nostre ugge.
   E sì darai tu scampo a la mia vita,
che si consuma in lei; né meco vole
sol un dì sovrastar, s’ella sen fugge.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it