Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
CVIII

   Tanto è ch’assenzo e fele e rodo e suggo,
ch’omai di lor mi pasco e mi nodrisco,
e son sì avezzo al foco, ond’io mi struggo,
che volontariamente ardo e languisco.
   E se del carcer tuo pur talor fuggo,
per fuggir da la morte, e tanto ardisco,
tosto ne piango et a pregion rifuggo,
Amor, più dura, in pena del mio risco.
   E fo come augellin che si fatica
per uscir de la rete, ov’egli è colto;
ma quanto più si scuote, e più s’intrica.
   Tal fu mia stella il dì che nel bel volto
mirai primier de l’aspra mia nemica,
ch’a me tutt’altro e più me stesso ha tolto.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it