Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
CVI

   Per far tosto di me polvere et ombra,
non v’hann’uopo erbe, Donna, in Ponto colte;
tenete pur le luci in sé raccolte,
mostrandovi d’amor e pietà sgombra.
   L’alma, cui grave duol dì e notte ingombra,
non par omai che più conforto ascolte,
misera, e le speranze vane e stolte
del cor, già stanco in aspettando, sgombra.
   Breve spazio che dure il vostro orgoglio,
avrà fin la mia vita, e non men pento:
non viver pria, che sempre languir, voglio.
   Morte, che tronca lungo aspro tormento,
è riposo; e chiunque a suo cordoglio
si toglie per morir, moia contento.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it