Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
LXXXV

   Amor, mia voglia e ’l vostro altero sguardo,
ch’ancor non volse a me vista serena,
mi dànno, lasso, ognior sì grave pena,
ch’io temo no ’l soccorso giunga tardo.
   Al foco de’ vostr’occhi qual ésca ardo,
a cui l’ingordo mio voler mi mena,
e se ragion alcun tempo l’affrena,
Amor poi ’l fa più lève e più gagliardo.
   Così mi struggo, e pur, s’io non m’inganno,
sète sol voi cagion ch’io mi consume,
e mia voglia et Amor lor dritto fanno;
   ché potreste mutar l’aspro costume
de le luci, ond’io vo per minor danno
a morte, come al mar veloce fiume.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it