Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
LXXXII

   Caro sguardo sereno, in cui sfavilla
quanta non vide altrove uom mai bellezza,
parlar saggio, soave, onde dolcezza
non usata fra noi deriva e stilla,
   solo di voi pensando si tranquilla
in me la tempestosa mente, avezza
mirarvi, udirvi, e, ciò più ch’altro apprezza,
lodando Amor, che col suo strale aprilla.
   Amor la punse, e poi scolpio l’adorna
fronte e i begli occhi, e scrisse le parole
dentro nel cor via più che ’n petra salde;
   perch’ella, com’augel ch’a parte vóle
ond’ha suo cibo, a lor sempre ritorna
con l’ali del desio veloci e calde.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it