Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
LXXVIII

   Anima, che da’ bei stellanti chiostri,
cinta de’ raggi sì del vero amore,
scendesti in terra, che fuor d’ogni errore
ten vai secura degli affetti nostri,
   con altre voci omai, con altri inchiostri
moverò più sovente a farti onore,
poi che se’ giunta ove fia ’l tuo valore
in altro pregio che le perle e gli ostri.
   Dirò di lei, ch’a quella gelosia,
onde Roma miglior cadde, rassembra:
o vendetta di Dio, chi te ne oblia?
   Poi seguirò, che se ben ti rimembra
d’Ercole e di Iason, questa è la via
di gir al ciel ne le terrene membra.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it