Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
LXVIII

   — Alma, se stata fossi a pieno accorta,
quando cademmo a l’amorosa impresa,
non ti saresti così tosto resa
a que’ begli occhi e crudi, che t’han morta. —
   — Io fui dal novo e gran diletto scorta,
e da la luce inusitata offesa;
ma non erano già la tua difesa
sospiri e guancia sbigottita e smorta. —
   — Altro non si potea, fuor che piangendo
chieder mercé; questo fec’io dapoi
sempre, né men però languisco et ardo. —
   — Gir devevi lontan dai guerrier tuoi,
stolto, e non sofferir più d’uno sguardo;
ché non si vince Amor, se non fuggendo.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it