Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
LXVI

   Lieta e chiusa contrada, ov’io m’involo
al vulgo e meco vivo e meco albergo,
chi mi t’invidia or ch’i Gemelli a tergo
lasciando scalda Febo il nostro polo?
   Rade volte in te sento ira né duolo,
né gli occhi al ciel sì spesso e le voglie ergo,
né tante carte altrove aduno e vergo,
per levarmi talor, s’io posso, a volo.
   Quanto sia dolce un solitario stato
tu m’insegnasti, e quanto aver la mente
di cure scarca e di sospetti sgombra.
   O cara selva e fiumicello amato,
cangiar potess’io il mar e ’l lito ardente
con le vostre fredd’acque e la verd’ombra.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it