Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
LXII

   Se ne’ monti Rifei sempre non piove,
né ciascun giorno è ’l mar Egeo turbato,
né l’Ebro o l’Istro o la Tana gelato,
né Borea i faggi ognior sferza e commove,
   voi perché pur mai sempre di più nove
lagrime avete il bel volto bagnato?
né parte o torna sol, che l’ostinato
pianto con voi non lasci e non ritrove?
   Il signor che piangete e morte ha tolto
ride del mondo e dice: — Or di me vive
il meglio e ’l più che dianzi era sepolto.
   Ma tu di pace a che per me ti prive,
o mia fedel, che ’n pace alta raccolto
godo fra l’alme benedette e dive?




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it