Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
LIV

   Speme, che gli occhi nostri veli e fasci,
sfreni e sferzi le voglie e l’ardimento,
cote d’amor, di cure e di tormento
ministra, che quetar mai non ne lasci,
   perché nel fondo del mio cor rinasci,
s’io te n’ho svelta? e poi ch’io mi ripento
d’aver a te creduto e ’l mio mal sento,
perché di tue impromesse ancor mi pasci?
   Vattene ai lieti e fortunati amanti,
e lor lusinga, a lor porgi conforto,
s’han qualche dolci noie e dolci pianti.
   Meco, e ben ha di ciò Madonna il torto,
le lagrime son tali e i dolor tanti,
ch’al più misero e tristo invidia porto.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it