Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
XLIV

   Lasso, ch’i’ piango e ’l mio gran duol non move
tanto presente mal, quanto futuro;
che se ’l tuo calle, Amor, è così duro,
che fia di me, che non so gir altrove?
   Poi che non valse a le tue fiamme nove
il ghiaccio, ond’io credea viver securo,
se ’l mio debile stato ben misuro,
certo i’ cadrò ne le seconde prove.
   Che son sì stanco, e tu più forte giungi,
onde assai temo di lasciar tra via
questa ancor verde e già lacera scorza.
   Sostien molta virtù noiosa e ria
sorte talor, ma frale e vinta forza
non pò grave martìr portar da lungi.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it