Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
XXIV

   Tomaso, i’ venni ove l’un duce mauro
fece del sangue suo vermiglio il piano,
di molti danni al buon popol romano,
cui l’altro afflitto avea, primo restauro.
   Qui miro col piè vago il bel Metauro
gir fra le piaggie or disdegnoso or piano,
per mille rivi giù di mano in mano
portando al mar più ricco il suo tesauro.
   Talor m’assido in su la verde riva,
e mentre di Madonna parlo o scrivo,
ad ogni altro penser m’involo spesso.
   Così con l’alma solitaria e schiva
assai tranquillo e riposato vivo,
sprezzando ’l mondo, e molto più me stesso.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it