Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Pietro Bembo [1470 - 1547]

Rime [1548]
XVI

La mia leggiadra e candida angioletta,
cantando a par de le sirene antiche,
con altre d’onestade e pregio amiche
sedersi a l’ombra in grembo de l’erbetta
vid’io pien di spavento:
perch’esser mi parea pur su nel cielo,
tal di dolcezza velo
avolto avea quel punto agli occhi miei.
E già dicev’io meco: o stelle, o dei,
o soave concento!
Quand’i’ m’accorsi ch’ell’eran donzelle,
liete, secure e belle.
Amore, io non mi pento
d’esser ferito de la tua saetta,
s’un tuo sì picciol ben tanto diletta.
poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it