Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovanni Canale [? - XVII sec.]

Da “Poesie” [1694]
VIII
[La trinità di Cava.]

   Dure balze, aspri colli e selve antiche,
pendenti rupi e monti alpestri ed erti,
folti boschi romiti, ermi deserti,
grotte del chiaro sol fosche nemiche;
   bramo cangiar con voi le piagge apriche,
le superbi cittadi e i campi aperti,
e menar di mia vita i giorni incerti
tra queste piante di silenzio amiche.
   Ché ’l vostro sacro e solitario orrore
(lungi dal mondo, anzi da me diviso)
daria riposo al mio turbato core;
   e presso al dolce rivo all’erba assiso,
che fa a’ cantanti augei specchio e tenore,
godrei fra questi boschi un paradiso.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it