Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovanni Canale [? - XVII sec.]

Da “Poesie. Parte prima e seconda” [1667]
Parte prima
18
L’Aurora. Alla vana bellezza.

   Venite, o donne voi, quanto più belle
della vostra beltà, tanto più altere,
ch’avventate ad ogn’or strali e fiammelle
dagli occhi ai cor, vaghe tiranne arciere;
   ecco vinte nel ciel fuggon le schiere
dal lume mio dell’abbagliate stelle;
e mi cadon dal sen le primavere
a smaltare, a ingemmar l’erbe novelle.
   Venite a côrre i floridi tesori
che spargo ad arricchirvi il crin dorato,
a infiorarvi del volto i molli avori;
   ma non v’insuperbite. Il sole alzato
su l’alto acceso cielo arde i bei fiori;
fian secchi i fior del vostro viso amato.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it