Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovanni Canale [? - XVII sec.]

Da “Poesie. Parte prima e seconda” [1667]
Parte prima
6
Al signor don Carlo Pignatelli marchese di Paglieta. Orologio da sole che ’n vece dello stilo di ferro una Morte colla punta della falce dimostra l’ore.

   Morte, cui fa temer falce tagliente
traversata sugli omeri spolpati,
stanca e gelida stassi al raggio ardente
dell’ore in mezo ai numeri segnati.
   Più difforme si scopre, et è più algente,
benché vestita di quei lumi aurati,
e con l’ombra del ferro al sol lucente
scaglia contro di noi colpi spietati.
   Un tempo adoprò il taglio; or mentre addita
l’ore con l’ombra, e al giorno le divide,
ad ogn’ora ne dà mortal ferita.
   Più si teman di lei l’armi omicide,
che per viltà maggior di nostra vita
anco con l’ombra ora la Morte uccide.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it