Parnaso Italiano
Repertorio della poesia italiana tra Cinquecento e Seicento
Giovanni Canale [? - XVII sec.]

Da “Poesie. Parte prima e seconda” [1667]
Parte prima
1
Alle sue “Poesie”, nel mandarle alle stampe nella Serenissima città di VINEZIA.

   Itene, o figli, al glorioso nido
cui bagnan d’Adria i vortici spumanti,
e del suo nome i secoli volanti
dànno all’eternità perpetuo grido;
   e giunti al fine al fortunato lido,
dove Onore e Virtù vivon regnanti,
quelle arene baciate ospiti erranti,
che raccolti sarete, io ben m’affido.
   Alla dolce armonia ciascuno impare
la lira ad accordar bassa e discorde
de’ cigni suoi, ch’han per Meandro il mare.
   In voto l’appendete ivi concorde
di tanti eroi di gloria in su l’altare,
fatte sonore ai pregi lor le corde.




5




10




poesialirica.it - gennaio 2008 - Ideazione e realizzazione a cura di admin@poesialirica.it